Ironia (in nero) con l’ “Apocalisse” del Teatro dell’Archivolto – in tournée tra Iglesias, Oristano, Ozieri e Tempio Pausania

Si alza il sipario sull'“Apocalisse” del Teatro dell’Archivolto, pièce originale tratta dai racconti di Niccolò Ammaniti, con il contributo di Antonio Manzini, che vede protagonista un funambolico Ugo Dighero, per la regia di Giorgio Gallione, in tournée nell'Isola sotto le insegne del CeDAC nell'ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo (con lo slogan “Giù la Maschera!”, che rimanda al potere svelante delle arti della scena). Visioni e storie della “fine del mondo” con lo spettacolo, un autentico one-man-show (impreziosito da scene e costumi di Lorenza Gioberti e dal disegno luci di Aldo Mantovani) che dopo il debutto in prima regionale martedì 21 aprile alle 20.30 al Teatro Electra di Iglesias, approderà mercoledì 22 aprile alle 21 al Teatro Garau di Oristano, giovedì 23 aprile alle 21 al Teatro Civico Oriana Fallaci di Ozieri e infine venerdì 24 aprile alle 21 al Teatro del Carmine di Tempio Pausania. Lo spirito profetico delle antiche rivelazioni s'incarna nel protagonista, afflitto da un misterioso e terribile morbo che rende faticoso e doloroso ogni suo gesto, perfino sorridere o respirare, figurarsi fare all'amore: rinchiusosi volontariamente in una sorta di bunker, egli racconta il declino della civiltà attraverso le immagini di un'umanità irrimediabilmente perduta, tra zombies laureati e folli chirurghi plastici, feroci poliziotti-giustizieri e ultras demenziali – senza risparmiare il luccicante mondo dello spettacolo, in cui trionfano sedicenti cabarettisti e stelline senza talento. L'“Apocalisse” dell'Archivolto (in cui si fondano e si intrecciano le trame e i personaggi de “Lo zoologo” (tratto da “Fango”) e “Sei il mio tesoro”, pubblicato nel volume “Crimini”) è quindi «una perfida parodia di una società alla deriva, un po’ operetta a/morale e un po’ favola nera. Ma... le favole sono cambiate e “nella bocca dei poeti anche la bellezza è terribile”».