“Penso che un sogno così…”: Giuseppe Fiorello in scena fra Sassari e Cagliari per la Stagione del CeDAC

Si alza il sipario su “Penso che un sogno così...” lo spettacolo scritto (insieme a Vittorio Moroni) e interpretato da Giuseppe Fiorello, protagonista sulla scena di un ideale viaggio nella Sicilia - e nell'Italia – degli anni Cinquanta e Sessanta tra l'eco delle canzoni di Domenico Modugno e i ricordi di un'infanzia e un'adolescenza vissute in seno a una famiglia vivace e numerosa, all'ombra della ricca cultura e delle contraddizioni del Meridione. Un'intrigante performance tra parole e note, un tuffo all'indietro nel tempo, sul filo della memoria, tra l'età dell'innocenza e la nascente consapevolezza del mondo, tra sogni e speranze, storie buffe e divertenti ed altre venate d'amarezza – sulla colonna sonora eseguita dal vivo da Daniele Bonaviri e Fabrizio Palma – con la sapiente regia di Giampiero Solari. In tournée nell'Isola – sotto le insegne del CeDAC nell'ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo - “Penso che un sogno così...” debutterà in prima regionale lunedì 2 marzo alle 21 al Nuovo Teatro Comunale di Sassari (data unica – fuori abbonamento) per approdare da mercoledì 4 a domenica 8 marzo al Teatro Massimo di Cagliari per la Stagione 2014-15 de La Grande Prosa al Teatro Massimo firmata CeDAC (tutti i giorni da mercoledì a sabato alle 20.30, per i turni A, B, C e D e la domenica alle 19 per il Turno E). Per la rassegna “Oltre la Scena/ gli attori raccontano...” Giuseppe Fiorello incontrerà il pubblico venerdì 6 marzo alle 17.30 alla MEM/ Mediateca del Mediterraneo di Cagliari (in via Mameli 164) – coordinerà il giornalista e critico de La Nuova Sardegna Walter Porcedda (ingresso libero - fino ad esaurimento posti)